Il whistleblowing è il processo attraverso il quale un individuo, solitamente un dipendente di un’organizzazione, rivela informazioni riservate o segrete riguardanti comportamenti illeciti, pratiche scorrette, violazioni di legge o etica all’interno dell’azienda o dell’ente in cui lavora.

Dal 15 luglio 2023 le autorità hanno introdotto piattaforme di whistleblowing criptate per consentire alle persone di segnalare violazioni senza rivelare la propria identità.

Quando si tratta, però, di gestire le segnalazioni di presunte violazioni o comportamenti illeciti all’interno di un’azienda, potrebbero esserci situazioni in cui le aziende si rivolgono agli investigatori privati per condurre indagini approfondite. Queste indagini possono essere finalizzate a verificare o approfondire le informazioni ricevute attraverso i canali di whistleblowing, identificare i fatti o raccogliere prove in merito alle violazioni segnalate.

Gli investigatori privati potrebbero svolgere un ruolo cruciale nel garantire che le indagini siano condotte in modo professionale, discreto e conforme alla legge, proteggendo allo stesso tempo l’anonimato del segnalante e garantendo che le informazioni raccolte siano valide e utilizzabili nel contesto legale o aziendale.